I Principi: tra Combattimento e Filosofia

I Principi: Tra Combattimento E Filosofia

Un'arte basata sulle basi

Tante volte capita che le persone che vengono per la prima volta in Accademia Arti Marziali si aspettano di iniziare per apprendere esclusivamente delle tecniche.
Tante volte infatti quello che succede è che molte scuole di arti marziali si concentrano sull’aspetto puramente tecnico.
Il valore più grande che però un’arte marziale può dare è un arricchimento della propria vita a 360°.
Grazie agli studi fatti da Sifu Nicola Colonnata in giro per il mondo sul Wing Chun Kung Fu, ora, disponiamo di un metodo di lavoro ben diverso.
Il metodo creato direttamente da Sifu è il Metodo Marziale e non va solo a lavorare sulla tecnica. Parte direttamente dai principi dell’arte marziale, permette sia di imparare a difendersi in modo più istintivo sia di migliorare la qualità della vita dei praticanti.
Qual è il segreto? 
Questo metodo non si fonda su tecniche complesse e difficili da replicare, ma su principi basilari che ci permettono di reagire sia nel combattimento che nella vita. Oggi scopriamo i 4 principi più importanti!

principi-strategia-wing-chun-aam-massa

Un esercizio sul primo principio di strategia

Se La strada è libera, Avanza

Questo è il primo principio.
Questo principio, come anche i prossimi che vedremo, è definito “di strategia” perché riguarda il modo migliore di approcciarci agli eventi e al combattimento.
Se lo guardiamo da un punto di vista più “Wing Chun” e “combattimento” questo riguarda maggiormente il fatto di concentrare la nostra attenzione verso il nostro avversario. Se sto combattendo contro un avversario e, invece che concentrarmi nel colpirlo dove ho spazio, mi concentro nell’evitare le sue braccia che si muovono, rischio di venire colpito senza accorgermi che sarei riuscito ad attaccare senza problemi a causa di una guardia sbagliata.
Nella vita succede qualcosa di molto simile.
Quando abbiamo degli obiettivi e dobbiamo compiere il primo passo per raggiungerli, spesso ci fermiamo a ragionare e ragionare.
Invece che concentrarci sul cammino davanti a noi rimaniamo quindi fermi nella paura di quello che potrebbe succedere.
Quando devi quindi intraprendere un percorso e non vedi alcun ostacolo al raggiungimento del tuo obiettivo AVANZA!
Evita di aspettare che qualcuno lo faccia al posto tuo.

Se La strada è Occupata, Incollati

Anche qui un doppio significato con il wing chun o con la vita.
Se infatti in combattimento ti trovi ad incrociarti con le braccia dell’avversario, mantenere il contatto con le sue braccia ti permetterà di avere il controllo dei suoi movimenti.
Nella vita questo si può tranquillamente riferire ai tanti rallentamenti che troviamo nel nostro percorso.
Se nel nostro cammino ci troviamo rallentati da un evento la nostra mente dovrà infatti mantenere il focus sul nostro obiettivo, senza però perdere la concentrazione sull’ostacolo che ci si è presentato.

principi-wing-chun-kung-fu-awtka

Se la strada è libera avanza

Se L'avversario avanza, cedi

Nel Wing Chun quando il nostro avversario porta un attacco molto forte e ben strutturato, non si va mai forza contro forza. Quello che cerchiamo invece di fare è usare la struttura del nostro corpo per deflettere l’energia del nostro avversario. 
Allo stesso modo se mai dovessi trovarti nella situazione in cui ti si pone un ostacolo nella vita e sei in difficoltà nel gestirlo evita di concentrarti solo su di esso perdendo di vista tutto il resto.
Cerca piuttosto una strada che ti permetta di gestire questo problema senza perdere tutte le tue energie e riuscendo ugualmente a allontanarlo da te.
Per farti un esempio, se sei uno studente che sta sostenendo un esame ed il tuo professore ti fa una domanda inaspettata e che non conosci bene, “devia” la tua risposta partendo da quello che sai sull’argomento e collegandoti con quello che conosci meglio.
Questo principio ci insegna quindi ad essere fluidi fisicamente e mentalmente.

Se L'avversario indietreggia, seguilo

Se l’ostacolo che ti si era presentato sembra mollare leggermente rimani vigile e attento. Dai ancora più energia nel risolvere questo problema.
Se la situazione si è calmata molto probabilmente sarà questo il momento giusto di agire per risolvere tutto quanto. Aspettare del tempo rischierebbe semplicemente di farti piombare di nuovo tutto quanto addosso.
Nel combattimento questo principio viene applicato nel momento in cui un opponente cerca di prendere le distanze da noi.
Lasciare che il nostro avversario prenda spazio vorrebbe dire rischiare un suo attacco potente e strutturato.
Inseguirlo invece ci permette di tenere il nostro avversario sotto pressione impedendogli effettivamente di reagire lucidamente.

difesa-personale-donna

Questi erano i 4 principi più importanti che si articolano tra filosofia e combattimento. Spero che potrai trarre spunto da tutto ciò. Per altri articoli sul wing chun AWTKA e la filosofia del kung fu visita il nostro blog. Non dimenticarti inoltre di visitare i nostri social e mettere un mi piace:
 –  Facebook
 –  Instagram
 –  Youtube

Ci vediamo nel prossimo articolo!